Mappa dell’inquinamento luminoso in Europa

Scaricare

3 versioni  : Classica  (se non sapete quale scegliere è proprio quelle che ci vuole), Astrofotografia e Sodio

Link verso le versioni rapide :
Classica

classique_vignette
Astrofotografia

astrophoto_vignette
Sodio

sodium

 

Link verso le versioni Google Earth (occorre aver installato Google Earth)
classique.kml <= Classica

classique

Mappa leggenda visuale

Bianco: 0-50 stelle visibili (eccetto pianeti) a secondo delle condizioni. Inquinamento luminoso molto potente e onnipresente. Molto tipico dei grandi centri urbani e delle grandi metropoli regionali e nazionali.

Magenta: 50-100 stelle visibili, le costellazioni principali cominciano ad essere riconoscibili.

Rosso: 100 -200 stelle sisibili : le costellazioni e alcune stelle in più possono apparire. Col telescopio, si possono osservare certi oggetti del catalogo di Messier.

Arancione: 200-250 stelle visibili in buone condizioni, l’inquinamento resta presente  ma in alcune parti del cielo appaiono più scure. Situazioni di diversi sobborghi di grandi città.

Giallo: 250-500 stelle: inquinamento luminoso ancora forte. La Via Lattea potrebbe diventare visibile in ottime condizioni. Alcuni tra i più brillanti Messier possono essere osservati ad occhio nudo.

Verde: 500-1000 stelle visibili : Periferia lontana di città, la via Lattea è visibile spesso ma ancora molto sensibile alle condizioni atmosferiche. Tipicamente gli aloni dell’inquinamento luminoso occupano solo una parte del cielo e arrivano a 40 -50 ° di altitudine.

Ciano: 1000-1800 Stelle: La Via Lattea è visibile la maggior parte del tempo (a secondo del tempo), ma senza splendere, si distingue senza più.

Blu: 1800-3000: cielo molto buono. La Via Lattea si distingue abbastanza chiaramente, si inizia ad avere la sensazione di un buon cielo, però, dispersi fonti di inquinamento sabotano ancora qualche zona del cielo. Il cielo alla verticale dell’osservatore è generalmente buono a molto buono.

Blu notte: 3000-5000: cielo buono e Via Lattea e potente. Certi aloni di luce sono molto distanti e sparse, e non incidono sulla qualità della cielo.

Nero: 5000 + stelle visibili nessun problema d’inquinamento luminoso rilevabile verticalmente sulla qualità del cielo. L’inquinamento luminoso non si sviluppa oltre 8 ° sopra l’orizzonte.

___________
astrophoto.kml <= astrofotografia

astrophoto

 

Mappa leggenda astrofotografia

Bianco: la foto cielo profondo è difficile, se non impossibile. Potenti filtri sono necessari e solo qualche oggetto del cielo profondo (nebulose brillante). I filtri di tipo Astrodon 3 nm sono necessari.
Magenta: l’astrofotografia a banda stretta è possibile per la maggior parte degli oggetti del cielo profondo di tipo h-alpha. Senza un filtro, solo esposizioni brevi sono possibili, e quindi con un basso rapporto segnale / rumore / sfondo del cielo. Occorono filtri di tipo Astrodon da 5nm a 12nm.
Rosso: le foto di cielo profondo sono possibili ma ancora significativamente migliore con filtro che senza filtro. L’uso di filtri altamente selettivi non è più necessario, i filtri di banda media (UHC), sono tuttavia ancora ampiamente raccomandati. Oggetti continui (ammassi di galassie) sono disponibili, ma ancora una volta, lo sfondo del cielo è ancora pittosto présente.
Arancione: A secondo delle condizioni atmosferiche, l’uso di filtri a banda larga (tipo CLS) può essere sufficiente quasi sempre. L’astrofotografia senza filtro è possibile se i scatti non sono troppo lunghi.
Giallo :  I filtri non sono più necessari per le nebulose, il rapporto segnale / rumore / sfondo del cielo comincia a migliorare in modo significativo.
Verde : I filtri non sono più di alcun obbligo in tutte le circostanze. Il fondo cielo è accentuato su alcune aree specifiche se i scatti sono lunghi.

Ciano: Inizio possiblile di scatti lunghi senza eccessivo aumento del fondo del cielo. Attenzione gli oggetti bassi nel cielo saranno ancora problematici perché l’inquinamento è ancora presente a bassa altitudine.
Blu: nessun problema reale di inquinamento luminoso. I valori di SQM sono buoni. Le esposizioni lunghe danno ottimi risultati, tranne vicino all’orizzonte.
Nero: Non esiste più inquinamento luminoso (non esiste in Francia).

_______________

sodium.kml <= sodio

europe-soidume-ge

 




Introduzione

Dopo qualche mese di riflessione e settimane di risultati preliminari, Avex è estremamente orgogliosa di presentare le nuove mappe di inquinamento luminoso a livello europeo.

La necessità di una mappa unificata a livello europeo si fatta sentire da tempo – in primo luogo, permette ai paesi che non sono mai stati fatti: Italia, Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia Ungheria, i paesi della ex Jugoslavia, Albania, Lituania, Danimarca, Estonia, l’Irlanda e la copertura parziale di Norvegia, Svezia, Finlandia, Romania, Bulgaria. La Grecia è completamente esclusa a causa di una deplorevole mancanza di dati per questo paese – che permetta un confronto a livello europeo.

Couverture approximative de la carte de pollution lumineuse

Couverture approximative de la carte de pollution lumineuse

In rosso il quadro approssimativo delle mappe europee

 Cosa cambia rispetto alle mappe nazionali

1. Per la prima volta, le mappe Avex sono georeferenziate, cioè perfettamente esatte  spazialmente importabile ed esportabile da qualsiasi software GIS (Geografic Information System),

2. Le scale tra i paesi sono state unificate sulla stessa base. Un fattore moltiplicativo o divisivo è stato applicato ad alcuni paesi per riflettere meglio le specificità locali,

3. La  ponderazione di altitudine è stata leggermente ridotta, sempre per riflettere meglio le osservazioni locali,

4. mappe, estremamente grandi nella loro versione originale, sono disponibili soltanto via Google Earth: non distribuisco più il PDF o TIF che caso a caso e su richiesta (le mappe fanno più di un giga)

5. Le strade interurbane non sono praticamente più prese in considerazione, ad eccezione di alcune grandi autostrade.

Cosa non cambia

La scala colore è le stesse indicazioni restano valide.

La mappa è valida per un cono di 50 ° allo zenit (cioè rispetto alla verticale della posizione), e non tiene conto degli effetti di inquinamento luminoso all’orizzonte. Per considerare i valori indicati sulla mappa, resta inteso che l’osservatore non dovrebbe essere direttamente esposto ad una sorgente di luce diretta, è da almeno 20 minuti non si è esposto ad una qualsiasi fonte di luce diretta.

L’esattezza dei dati non è garantita: i valori sono solo indicativi e ottenuti dal calcolo, e non basati sulla realtà. Fenomeni locali, come ad esempio l’illuminazione di monumenti ed edifici pubblici, o, al contrario l’estinzione delle luci ad una certa ora della notte, può falsare i dati localmente. Si tratta di mappe di inquinamento luminoso per le ore 23 in inverno, con una umidità media di 85 °.

Le aree acquatiche non vengono prese in considerazione: la propagazione di aloni di luce è stata fortemente attenuata volontariamente al di sopra del mare, per motivi di chiarezza. Queste mappe trattano delle zone urbane, zone industiali et artigianali, aree residenziali, porti, aeroporti, campi di aviazione, autostrade ed alcune strutture industirali di grandi dimensioni (ad esempio le centrali elettriche nucleare)

L’altitudine gioca un ruolo importante nella propagazione dell’inquinamento luminoso: Più l’osservatore si trova in altezza, meno la diffusione della luce è importante. Così, se una città  si trova à 1000 metri più giù di un osservatore, influisce molto meno sulla qualità del cielo che se l’osservatore si trovasse  allo stesso livello della città. Gli effetti dell’altitudine sono semi-logaritmici: come tale, i primi mille metri sono un fattore determinante per la qualità del cielo.

Per informazione

Queste mappe sono gratuite e lo rimangono per uso privato o associazioni. Per calcolarle occorre molto tempo e materiale informatico costoso, queste ricerche sono fatte con le sole risorse di AVEX e senza aiuto esterno.

Se volete aiutarci, anche simbolicamente, nel nostro lavoro, è possibile donare tramite Paypal, è sufficiente fare clic sul pulsante qui sotto per scegliere il montante e confermare  :)




 

Queste mappe non sono royalty free, ogni pubblicazione è oggetta ad una richiesta esplicita a Fréderic Tapissier + (33) (0) 6 84 73 81 53 o e-mail ftapissier@gmail.com (senza spazi).

Le immagini  originali sono quasi 30.000 pixel quadrati e una risoluzione di 100 metri per pixel, e sono disponibili in geotif (georeferenziati).

9 strati sono disponibili:

Singolo strato di inquinamento luminoso: classica, astrofotografia e sodio

Strato PL + sollievo: astrofotografia classico e sodio

PL + sollievo + toponomastica comune di oltre 5.000 abitanti classico, astrofotografia e sodio

Precauzioni di interpretazione

La mappa è valida per un cono di 50 ° allo zenit (cioè rispetto alla verticale della posizione), e non tiene conto degli effetti di inquinamento luminoso all’orizzonte. Per considerare i valori indicati sulla mappa, resta inteso che l’osservatore non dovrebbe essere direttamente esposto ad una sorgente di luce diretta, è da almeno 20 minuti non si è esposto ad una qualsiasi fonte di luce diretta.

L’esattezza dei dati non è garantita: i valori sono solo indicativi e ottenuti dal calcolo, e non basati sulla realtà. Fenomeni locali, come ad esempio l’illuminazione di monumenti ed edifici pubblici, o, al contrario l’estinzione delle luci ad una certa ora della notte, può falsare i dati localmente. Si tratta di mappe di inquinamento luminoso per le ore 23 in inverno, con una umidità media di 85 °.

Le aree acquatiche non vengono prese in considerazione: la propagazione di aloni di luce è stata fortemente attenuata volontariamente al di sopra del mare, per motivi di chiarezza. Queste mappe trattano delle zone urbane, zone industiali et artigianali, aree residenziali, porti, aeroporti, campi di aviazione, autostrade ed alcune strutture industirali di grandi dimensioni (ad esempio le centrali elettriche nucleare).

 

L’altitudine gioca un ruolo importante nella propagazione dell’inquinamento luminoso: Più l’osservatore si trova in altezza, meno la diffusione della luce è importante. Così, se una città  si trova à 1000 metri più giù di un osservatore, influisce molto meno sulla qualità del cielo che se l’osservatore si trovasse  allo stesso livello della città. Gli effetti dell’altitudine sono semi-logaritmici: come tale, i primi mille metri sono un fattore determinante per la qualità del cielo.

Condizioni di uso di queste mappe

1 Queste mappe sono e rimangono di esclusiva proprietà di Fréderic Tapissier o dei suoi suoi aventi diritto, e AVEX.

2 L’autore non consente la diffusione di queste mappe a terzi senza il preventivo consenso da lui (sono protetti da Copyright ©).

3 I diritti non sono trasferibili in alcun modo da parte dell’utente a chiunque, o per qualsiasi motivo.

4 Tutte le richieste di stampa o di trasmissione devono essere sempre subordinate alla preventiva approvazione di Fréderic Tapissier / / AVEX.

5 Nessuna modifica dei dati, compresi i colori, le dimensioni delle imagini, non possono essere fatte senza il preventivo consenso Fréderic Tapissier / / AVEX.

6 Queste mappe sono protette da segni elettronici di tracciabilità, e sono protette da alterazioni e l’esportazione dei dati in essi contenuti.

7 L’autore non assume alcuna responsabilità per l’uso di tali dati in alcun modo.

8 L’autore non garantisce l’esattezza dei dati, che sono solo approssimativi, i valori sono ottenuti via un calcolo. Questo documento non può essere utilizzato in qualsiasi base ufficiale qualsiasi opera, e l’autore non assume alcuna responsabilità per il passato uso presente e futuro e l’interpretazione di questi dati.

9 L’uso delle mappe è libero nell’ambito delle associazioni e privati, per qualsiasi applicazione commerciale, si e pregati di contattare l’autore.

 

 

 

Laisser un commentaire